Licensing SQL Server 2016

SQL Server 2016 viene distribuito in due edizioni: Standard ed Enterprise. Sono inoltre disponibili due edizioni gratuite, la Express (in grado di gestire database di dimensioni fino a 10 GB) e la Developer (edizione completa del prodotto pensata per gli ambienti di non produzione). Rispetto a SQL Server 2014 è stata eliminata la versione Business Intelligence (BI).

Comparazione Edizioni

La versione Enterprise rispetto alla Standard supporta funzionalità avanzate di Business Intelligence, Data Management e Security. Dal punto di vista dell’alta disponibilità la Standard supporta gli Availability Groups in modalità Basic (quindi è possibile configurare un solo database in alta disponibilità con il limite di due repliche, senza poter effettuare accessi in lettura o operazioni di backup sulla replica secondaria).

Anche dal punto di vista della scalabilità sono presenti differenze tra le varie edizioni. E’ possibile trovare maggiori dettagli al seguente link:

https://www.microsoft.com/it-it/sql-server/sql-server-2016-editions

Modelli di licensing

SQL Server può essere licenziato secondo due modalità:

  • Server + CAL, è necessario l’acquisto di una licenza per ogni utente o dispositivo che effettua l’accesso a SQL Server (ovvero in grado di effettuare query).  Oltre alle CAL è necessario sostenere anche il costo di acquisto del Server applicativo. Su ogni server licenziato è possibile installare il numero di istanze desiderato a livello di singolo sistema operativo, fisico o virtuale.
  • Per Core, in questa modalità è necessario licenziare i core dei processori del server fisico che ospita SQL Server o qualsiasi altro componente software (come ad esempio Reporting Services e Integration Services). Le licenze per core vengono vendute in pack da due ed è necessario licenziare almeno quattro core per server. Non è necessario l’acquisto di CAL aggiuntive e non vi sono limiti al numero di utenti e dispositivi che possono effettuare l’accesso.

La versione Enterprise viene distribuita solamente nella modalità per core mentre la Standard è disponibile in entrambe le modalità.

Determinare quale sia la modalità più conveniente può non essere semplice. Dal listino pubblicato sul sito Microsoft:

  • Pack 2 Core 3717 $ (acquisto minimo due pack).
  • Licenza Server 931 $
  • Costo licenza singola CAL 200 $ circa (dato rilevato da rivenditori)

Licenziando 4 core il costo è quindi di 3717 x 2 = 7434 $
Per determinare in maniera approssimativa il numero di CAL che è possibile acquistare con la stessa cifra:  (7434-931) / 200 = 32 CAL circa. Tutto questo al netto di eventuale software assurance che, se necessaria, porta ad un ricalcolo dei costi.

Sono necessarie comunque alcune considerazioni:

  • Se non si è in grado di determinare il numero di utenti o dispositivi in grado di effettuare l’accesso al server (ad esempio se il database ospita dati di backend applicativi pubblicati su internet) la soluzione per core diventa l’unica percorribile.
  • E’ necessario valutare il numero di core che saranno necessari per eseguire l’applicazione con performance accettabili. In caso di installazione in ambienti non virtuali tutti i core delle CPU del server devono essere licenziati.
  • Nel caso si stia valutando il licensing per Server+CAL bisogna considerare possibili trend di crescita nel medio/lungo periodo che potrebbero portare alla necessità di acquistare nuove CAL.
Multiplexing

Con il termine multiplexing si intende l’utilizzo di tecnologie hardware o software che consentono di ridurre il numero di utenti o dispositivi connessi a SQL Server. Quando si utilizza il modello di licensing per Server+CAL è importante ricordare che anche gli utenti e i dispositivi che indirettamente accedono ai dati (quindi in grado di effettuare query) necessitano di CAL. L’unico caso in cui la CAL non è necessaria è quando viene effettuato un accesso indiretto ai dati, ad esempio attraverso esportazione su file Excel.

Ambienti virtuali

Quando si installa SQL Server in ambienti virtuali si hanno due opzioni:

  • Acquistare le licenze per ogni singola Virtual Machine.
  • Licenziare il server fisico per la massima capacità di virtualizzazione (solo edizione Enterprise).

In caso di licensing per singola macchina virtuale è possibile acquistare sia licenze per Server+CAL (versione Standard) che per Core (Standard ed Enterprise). Nel primo caso è necessario acquistare una licenza server per ogni virtual machine su cui viene installato SQL Server oltre alle CAL (con una singola CAL è possibile accedere a più server dell’organizzazione). Nel caso di licensing per core è necessario acquistare una licenza per ogni virtual core (o vcpu) assegnato alla macchina virtuale con un minimi di 4 licenze/core per VM.

La modalità di licensing per massima capacità di virtualizzazione consiste nella possibilità, per chi ha licenziato tutti i core fisici del server con l’edizione Enterprise di SQL Server, di eseguire un numero di istanze del software (fisiche o virtuali) pari al numero di licenze/core assegnate al server. Ad esempio per un server fisico dotato di due CPU da quattro core dove vengono acquistate 8 licenze/core della versione Enterprise, è possibile eseguire fino a 8 macchine virtuali senza tener conto del numero di core assegnati a ciascuna VM. Se fosse necessario eseguire un numero di VM aggiuntivo è necessario assegnare al server fisico ulteriori licenze/core. Nel caso invece che le licenze siano coperte da Software Assurance non vi sono limiti al numero di istanze configurabili.

Alta disponibilità

SQL Server può essere configurato per garantire la continuità operativa (ad esempio tramite l’implementazione delle funzionalità di clustering). In questi scenari se un server diventa indisponibile i carichi di lavoro vengono migrati su un server secondario. Per ciascun server licenziato e con contratto di Software Assurance attivo è possibile eseguire un’instanza passiva da utilizzare per il failover delle risorse senza ulteriori costi di licenza. L’istanza passiva può essere eseguita su un server separato e non deve eseguire carichi di lavoro o rendere disponibili i dati ai client.

Riferimenti:

Microsoft SQL Server 2016 – Licensing Guide

 

4 pensieri riguardo “Licensing SQL Server 2016

  • mercoledì 4 luglio 2018 in 14:37
    Permalink

    Salve l’articolo è utile ma vorrei un approfondimento.. Nel caso di installazione su di un Server Virtuale, nel caso di cambio di provider di virtualizzazione e quindi di cambio di Server Virtuale o di passaggio da Server Virtuale su infrastruttura di proprietà a server su cloud pubblico è possibile spostare la licenza Sql Server standard 2016 Core acquistata o no?
    Grazie a chi mi può rispondere.

    Risposta
    • martedì 18 settembre 2018 in 15:25
      Permalink

      Anche se in ritardo provo a risponderti.
      Se si tratta di una OEM non è possibile riassegnare la licenza. Questo tipo di licenze nascono e muoiono con l’hardware.
      Se si tratta di una retail bisogna distinguere se la licenza è coperta o meno da Softare Assurance (SA). A tal proposito il licensing datasheet di SQL Server 2017 dice:

      – SQL Server licenses that are not covered with active SA can only be reassigned to a different server within a server farm once every 90 days, and they cannot be reassigned to a third-party web hoster or non-private cloud at any time. (In the event of permanent hardware failure, the 90-day reassignment limit is waived.)
      – All SQL Server licenses with active SA can be reassigned to another server within the server farm as often as needed; however, they can only be reassigned to another server in another server farm, or to a non-private cloud, once every 90 days.

      E’ possibile scaricare l’intero documento al seguente link:
      https://download.microsoft.com/download/B/C/0/BC0B2EA7-D99D-42FB-9439-2C56880CAFF4/SQL_Server_2017_Licensing_Datasheet.pdf

      Risposta
  • lunedì 17 settembre 2018 in 19:06
    Permalink

    TROVO TUTTO QUESTO UNA DITTATURA BELLA E BUONA….
    MA PRESTO TUTTO FINIRA’ PER CHE VI SONO ALTRE ALTERNATIVE

    Risposta
    • martedì 18 settembre 2018 in 15:26
      Permalink

      Ciao, perchè non provi a spiegarci meglio il tuo punto di vista?

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dimostra che sei un umano. *