Licensing Windows Server 2016

Con il rilascio di Windows Server 2016 Microsoft ha introdotto importanti novità dal punto di vista del licensing. Il sistema operativo è disponibile in tre edizioni: Essentials, Standard e Datacenter.

La versione Essentials è pensata per piccole realtà e può supportare fino a 25 utenti e 50 dispositivi. Non offre alcun diritto a livello di virtualizzazione (è possibile installare una singola istanza fisica o virtuale) ma in compenso non necessita dell’acquisto di CAL. Questa edizione va a sostituire quella che in passato veniva rilasciata con il nome di SBS (Small Business Server) ed è caratterizzata dalla presenza di numerosi Wizard che affiancano gli strumenti di amministrazione tradizionali per la gestione e la configurazione dell’ambiente di lavoro.

Per quanto riguarda le versioni Standard e Datacenter, a differenza di Windows Server 2012, le funzionalità supportate sono differenti. Le funzionalità avanzate per la gestione dello storage e del networking sono supportate solo nella versione Datacenter (storage spaces direct, storage replica, software-defined networking, shielded virtual machines).

Una importante novità per le edizioni Standard e Datacenter riguarda la modalità di licensing per core fisico. In Windows Server 2012 una licenza copriva due socket fisici indipendentemente dal numero di core per CPU. Per licenziare correttamente Windows Server 2016 bisogna tenere presenti le seguenti regole:

  • Tutti i core fisici presenti del server devono essere licenziali (senza tenere conto dell’hyperthreading).
  • E’ necessario acquistare un minimo di 8 licenze core per CPU ed un minimo di 16 licenze core per server.
  • Le licenze/core sono vendute in pacchetti da due, quindi per licenziare un singolo server è necessario acquistare un minimo di 8 pacchetti. Il costo di 8 pacchetti dovrebbe essere equivalente al costo di una licenza di Windows Server 2012 per due processori, rispetto all’edizione precedente quindi i costi di licensing aumentano quando si devono licenziare più dei 16 core minimi previsti.
  • E’ sempre necessario acquistare a parte le CAL di Windows.
  • Nel caso sia necessario attivare i servizi Remote Desktop è necessario acquistare a parte anche le CAL RDS.

Per quanto riguarda i diritti di virtualizzazione invece nulla è cambiato, una licenza di tipo Standard offre la possibilità di configurare fino a due istanze virtuali del sistema operativo (per aggiungere istanze è necessario licenziare nuovamente tutti i core del server) mentre con la Datacenter non vi sono limiti al numero di istanze virtuali configurabili (indipendentemente dall’hypervisor utilizzato).

Riferimenti:

Microsoft Windows Server 2016 Licensing Datasheet

Windows Server 2016 Pricing and Licensing FAQ

 

2 pensieri riguardo “Licensing Windows Server 2016

  • martedì 21 maggio 2019 in 10:06
    Permalink

    come si installano le licenze dei core aggiuntivi?

    Risposta
    • giovedì 23 maggio 2019 in 9:15
      Permalink

      Le licenze vanno semplicemente acquistate, non è necessaria l’installazione.

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dimostra che sei un umano. *